• “Crediamo che non ci sia niente di più importante nella società di oggi della capacità di pensare ed agire creativamente”. E’ una frase di Mitch Reshick, genio della programmazione e sostenitore dell’insegnamento del pensiero computazionale ai bambini, ad introdurre la presentazione del primo Atelier Creativo Digitale –  OS@ officine del sapere, realizzato nella provincia di Reggio Calabria e, per la precisione, all’interno dell’IC Giovanni XXIII di Villa San Giovanni. Un luogo, creato all’interno della scuola secondaria di I° “R. Caminiti”, dove l’apprendimento diventa innovativo grazie agli spazi in cui tradizione ed innovazione si uniscono per fornire ai ragazzi, competenze, saperi, innovazione. Partners dell’iniziativa, l’Università Mediterranea di Reggio Calabria, il Fablab Rc e il Fablab di Villa, presieduto da Giuseppe Minniti. Tra i cofinanziatori, il comune villese, il CTS di Reggio, il CPIA dello Stretto, il Kiwanis club di Villa, l’associazione “Ponti Pialesi” e l’associazione Marinai d’Italia di Villa San Giovanni. Grande entusiasmo tra i principali soggetti coinvolti nell’evento ovvero la dott.ssa Grazia Maria Trecroci, dirigente dell’Istituto Giovanni XXIII che ospita l’atelier, e l’animatore digitale, professore Enzo Maria Pietropaolo.

    << Alle nuove sfide educative – ha dichiarato la dirigente Trecroci – dobbiamo dare la giusta risposta. Per fare ciò occorre promuovere creatività e pensiero divergente affinché i ragazzi possano effettuare scelte ponderate ed acquisire competenze utili per diventare cittadini responsabili>>. Sulla parte legislativa relativa l’introduzione delle nuove tecnologie nella scuola e sull’importanza didattica della creatività, ha invece dibattuto il dottor Ernesto Zizza, dirigente Area III Usp Rc, << è importante condurre i ragazzi nel “ fare scuola” ma non solo. Nel farlo bisogna dare anche senso alla loro intraprendenza. Il loro chiedere ci deve portare costantemente a studiare per trovare sempre nuove risposte>>. Al tavolo dei relatori, visibilmente emozionata, anche la dirigente in pensione Caterina Interdonato, il sindaco facente funzione Maria Grazia Richichi dichiaratosi << sempre vicina al mondo della scuola>>e la professoressa Francesca Fatta dell’Università Mediterranea di RC.

    << Un territorio particolare, quello di Villa, – ha evidenziato la Fatta – con una storia importante. Dall’orgoglio delle filande alle vicende del terremoto, non è un caso se questo primo laboratorio viene a formarsi proprio in questa città. A dimostrazione che quello che si spende oggi nella scuola potrà diventare qualcosa di importante nel futuro>>. A presentare il laboratorio ci ha pensato poi la prof.ssa Tiziana Ussia. A seguire, la premiazione dei ragazzi classificatosi ai “Giochi Matematici d’Autunno, Demetrio Campolo, Vincenza Caminiti, Giovanni Sorrentino, Giuseppe Cosentino, Francesco Lofaro e Alessandra Lucisano, dei finalisti Giovanni Straropoli, Matteo Sergi, Antonino Scopelliti e Claudio Cassone ed infine il vincitore delle Olimpiadi di Astronomia Dimitrov Mihail. Un premio a sorpresa per “la dedizione e l’impegno” anche al professore Pietropaolo e, per concludere, tradizionale taglio del nastro ed inaugurazione dell’atelier. E, tra stampanti 3D, robot e lavagne multimediali, lo stupore di grandi e piccini nel visitare questo piccolo gioiello cittadino è stato infine il risultato più atteso.

    Ufficio Stampa IC Giovanni XXIIIo – Dott.ssa Giusy Santacaterina

     

    Galleria Fotografica

    Smile! you are on CityNow!