• L’Officina dell’Arte non si ferma mai e per consolidare ancor di più, il suo rapporto con la città coinvolgendo le risorse del territorio, in particolar modo i giovani, riunisce teatro, cultura e beneficenza. A comunicare la nuova collaborazione tra la nota compagnia teatrale con il Circle K Università “Dante Alighieri” e il Kiwanis Club RC, è il direttore artistico Peppe Piromalli che, insieme al regista e attore Antonio Malaspina, oramai da anni, punta a “trascinare” a teatro i giovani e non solo.

    “Una maggiore apertura verso la città e le sue esigenze di intrattenimento perché credo che la percezione la si possa cambiare avendo pazienza e seminando – afferma l’attore Piromalli – Creare delle stagioni variegate è stato un modo per avvicinare un nuovo pubblico. Bisogna innovare a piccoli passi, senza fare le rivoluzioni e il rapporto di collaborazione vuole tramutarsi in un vero e proprio dialogo con i giovani. Per questo si cerca di sensibilizzare i nostri ragazzi e portarli a teatro offrendo loro biglietti del tutto vantaggiosi. Il risultato ottenuto – continua il direttore artistico dell’Oda – sarà immediato: vedremo giovani senza parole, occhi e volti felici, pochi elementi che fanno nascere il desiderio di comunicare il mondo di emozioni che il teatro può trasmettere. Da diversi anni – continua Piromalli – facciamo un teatro per le nuove generazioni che mette al centro temi forti, in grado di aiutare a comprendere meglio il presente, per poterlo governare e giudicare criticamente. Insomma, un teatro che si propone non come esibizione ma, piuttosto, come processo espressivo che cerca di dare senso al mondo. Il teatro se fatto con qualità, può essere di grande utilità formativa, perché è un linguaggio interdisciplinare in grado di contenere dentro di sé la scrittura, il gesto, il movimento, il suono, l’immagine e il segno, elementi che concorrono a dare un senso e un significato alla vita di un individuo e di una comunità”.

    Con l’Akkademia, scuola di teatro attiva presso il cine-teatro “Il Metropolitano”, l’Officina dell’Arte mette a disposizione anche dei laboratori e intense full immersion a teatro con esperti del settore perché secondo i responsabili Piromalli e Malaspina “la mediazione del gioco teatrale e il rispetto di alcune regole, prima fra tutte quella della sospensione del giudizio nei confronti degli altri e di se stessi, consentono in poco tempo, di trovare uno spazio adeguato e una propria dimensione espressiva e creativa che tenga conto delle specificità e delle possibilità individuali”.

    Le agevolazioni per gli studenti dell’Università per Stranieri “Dante Alighieri” e parte dell’incasso degli spettacoli dell’Officina saranno inoltre devoluti al progetto europeo “HappyChild”.

    locandina

    Smile! you are on CityNow!