• Tra le protagoniste anche in questa stagione, la terza per lei con la Royal, Samanta Fragola, 37 anni e non sentirli. La sua bravura ed abilità sono uno spot per il futsal femminile. Ogni domenica sempre tra le migliori, l’esperta calcettista cosentina rappresenta uno dei pilastri della Royal Team Lamezia. L’occasione è propizia, vista la sosta di domenica del campionato di A2, per fare un primo bilancio di questo girone di andata, che vedrà il suo epilogo domenica 17 dicembre con la Royal splendida capolista con +6 sul Martina, +7 sul Napoli (prossimo avversario) e +8 su Salerno.

    “Aspettiamo ancora qualche altra partita per esprimere un giudizio più completo – spiega Fragola -, anche perché soprattutto per noi è molto importante proprio la prossima trasferta di Napoli. Un match chiaramente difficile ma l’affronteremo come tutti gli altri, rispettando l’avversario ma consapevoli pure della nostra che, e non a caso, ci ha portato in vetta. E comunque – sottolinea la forte atleta della Royal – noi ci crediamo. La squadra di questa stagione è sicuramente una Royal nuova ma è una Royal che vuole vincere e che è combattiva e aggressiva e pretende di vincere e di stare lassù in vetta, facendo sempre meglio”. Insomma non le manda a dire Samanta Fragola, che ritorna anche sulla sofferta vittoria contro Salerno. “All’inizio eravamo forse un po’ intimorite magari per la pressione in settimana sulla squadra. Certo la Salernitana era messa bene in campo, con ottime individualità. Però noi ci abbiamo sempre creduto, anche sotto 0-2 abbiamo reagito nel modo giusto perché all’inizio eravamo un po’ bloccate, e così è arrivata la vittoria perché volevamo vincere”. Uno sguardo va anche al match di Napoli, senza Losurdo e Linza squalificate. “Purtroppo non ci saranno, sono due elementi fondamentali per la squadra ma ormai non possiamo farci niente. Certo noi lotteremo anche per loro”. E Fragola s’è rivista anche in zona gol con due realizzazioni su calci piazzati, punizione e rigore. “Mah, capita di rado poichè quando arrivo in porta preferisco farli fare piuttosto che realizzarli i gol, per me importante è vincere non segnare. Sono contenta sicuramente – chiude Fragola – ma lo sono di più per la squadra”.

    E si gode la quarta giornata da capolista anche il tecnico Mauro Ragona, che aumenta i meriti alla squadra anche per le assenze di Losurdo, a gara in corso, e Linza. “Con la Salernitana è stata una partita da favola – sottolinea -, con qualche difficoltà iniziale ma la nostra forza è uscita poi alla distanza. Ammetto che c’è stata anche la componente fortuna in qualche circostanza, ma non c’è squadra che non vinca con un pizzico di buona sorta, certo la vittoria ce la siamo meritata tutta. Losurdo? Sul primo fallo se l’è cercato il giallo, ma sul secondo non c’era assolutamente ammonizione perché in tal caso le partite finirebbero per mancanza di calciatrici. Brave comunque le ragazze in quel frangente a difendere 4 contro 5 contro un’ottima Salernitana, che però nonostante le nostre contingenze negative è rimasta sempre dietro la linea della palla, salvo ripartire sempre con lo stesso gioco”.

    Positivo poi il suo giudizio sull’esordio di Sabatino. “Sicuramente ha molta esperienza, anche sul piano tattico, ha un buon piede ed un gran tiro, in condizioni normali non l’avrei rischiata visto il poco tempo che è con noi, ma è stata la partita a volerlo e può dare il suo contributo. Quando sarà al massimo atleticamente vedrete che farà bene. Mi dispiace per Leone, che ovviamente tornerà utile in altre situazioni, ma per recuperare la gara mi servivano altre caratteristiche, ma complimenti a tutte per come si impegnano”.
    Intanto la squadra continua gli allenamenti, iniziando già a pensare alla trasferta di Napoli dell’ex tecnico reggino Tramontana, scudettato nel 2012 con la Pro Reggina.

    L'esultanza della Royal a fine gara contro Salerno Mister Ragona in un time out royal royal fragola

    Fonte: Ufficio Stampa Royal – Rinaldo Critelli

    Smile! you are on CityNow!