• Continua il programma “…rEstate al MArRC!”, con tanti eventi meravigliosi sulla terrazza panoramica sullo Stretto, durante le aperture straordinarie del giovedì e del sabato (fino all’8 settembre), dalle 20.00  alle 23.00, con ingresso a soli 3 euro, per trascorrere imperdibili Notti d’Estate al MArRC. Il prossimo appuntamento è sabato 4 agosto, alle ore 21.00, con il Conservatorio “Francesco Cilea”, per il Concerto Duo di Fulvio Tommasini (violino) e Dario Ielo (chitarra).

    I due giovani musicisti vantano una carriera concertistica prestigiosa. Tommasini, laureato al Conservatorio “F. Cilea” ha un curriculum importante, come primo violino o come solista in concerti anche internazionali. Ielo, diplomato, ha al suo attivo un’attività concertistica già molto apprezzata.  Eseguiranno brani di Bach, Mangoré, Satie, Aguado, Paganini.

    «La partnership culturale con il Conservatorio “F. Cilea” è un motivo di soddisfazione», afferma  il direttore del Museo, Carmelo Malacrino. «È un istituto di cultura e di formazione musicale di altissima qualità, che permette al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria di offrire un programma di conoscenza e di valorizzazione del patrimonio culturale calabrese completo e ad ampio spettro». La direttrice del Conservatorio “F. Cilea”, Mariella Grande commenta: «Sono lieta che continui questa stretta collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, nell’ambito di un Protocollo d’intesa sottoscritto un anno fa». E continua. «Grazie a questa sinergia, abbiamo proposto esecuzioni musicali di altissimo livello in una delle sedi più idonee per promuovere le professionalità d’eccellenza dell’Istituto e per valorizzare la ricchezza del patrimonio culturale musicale reggino, anche presentando opere inedite di compositori calabresi».

    Nel frattempo, è quasi tutto pronto, al MArRC, per l’inaugurazione della grande Mostra Oikos. La casa in Magna Grecia e Sicilia”, la prossima settimana. In un percorso espositivo di archeologia culturale, ideato per riproporre ambienti di vita nella Calabria magnogreca e in Sicilia, saranno esposti oltre cento preziosi reperti, accuratamente selezionati dai curatori scientifici: il direttore del MArRC, Carmelo Malacrino, e l’archeologo Maurizio Cannatà, tra i nuovi funzionari al Museo.

    «Siamo molto orgogliosi di questa nuova mostra, di altissimo valore scientifico e culturale», dichiara il direttore Malacrino. «È stato un lavoro intenso e appassionato, in collaborazione tra le diverse discipline e con altri istituti museali dell’Italia Meridionale». I visitatori potranno ammirare anche il mosaico della Casa del Drago di Kaulon, l’odierna Caulonia, attualmente esposto al Museo Archeologico Nazionale di Monasterace. «Abbiamo immaginato di inserire nel percorso espositivo il mosaico con la raffigurazione del drago quale segno e simbolo di quello che era considerato lo spazio principale nella casa greca, l’Andron», commenta Malacrino. «Gli abbiamo riservato una collocazione di rilievo, per esaltarne la preziosità. Il ritorno di immagine e di promozione turistica per tutto il territorio calabrese è assicurato, considerando i numeri di visitatori che il MArRC registra. Nel ringraziare la direttrice del Polo, Angela Acordon, che ha autorizzato lo spostamento del mosaico, che potrà poi tornare in esposizione al Museo di Monasterace, il direttore Malacrino ricorda di avere «risposto a propria volta con interesse e con favore alla richiesta di prestito, pervenuta circa un mese fa, della magnifica testa proveniente dalla Passoliera, reperto tra i più importanti della statutaria policroma di età arcaica».  E conclude: «Sarà un significativo contributo per rendere dinamica e ricca l’offerta espositiva del Museo di Monasterace e un elemento di richiamo per i turisti e per gli stessi cittadini».

    Domenica 5 agosto, ingresso gratuito per tutti, al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria. Un’occasione straordinaria per trascorrere un giorno festivo al MArRC per un piacevole viaggio della conoscenza nella Calabria antica, dalla preistoria alla tarda età romana, nonché per ammirare gli splendidi e maestosi Bronzi di Riace, che il mondo invidia.

    All’Inaugurazione della Mostra “Oikos. La casa in Magna Grecia e Sicilia” sarà dedicato un Comunicato Stampa. Si preannuncia, in considerazione dell’importanza di partecipazione mediatica all’evento, che rientra tra le iniziative del MArRC per celebrare il 2018, Anno Europeo del Patrimonio Culturale.

    Smile! you are on CityNow!