•  

    Il Mediterraneo rappresenta quel luogo di passaggio obbligato di diverse culture, gisuto crocevia delle grandi direttrici storiche dovute agli impulsi migratori derivanti non solo dalla ricerca di nuove terre ma anche da pressioni strategiche o politiche, razziali, spesso religiose che tali popoli migratori hanno subito nelle terre d’origine. I movimenti di poli migratori nel bacino del Mediterraneo hanno avuto sempre una continuità ciclica a partire dai primi insediamenti indoeuropei. Tra le varie popolazioni che si sono susseguite sul territorio quella degli arabi. 

    La loro presenza in Sicilia e in Calabria ha contribuito notevolmente al diffusione di molte voci di origine araba, che si trovano presenti in diversi campi come l’agricoltura, nomi di professioni, ma anche a riguardo l’onomastica e la toponomastica. Da queste premesse la conferenza “Tracce arabe nella toponomastica reggina: ipotesi sull’origine del nome di Lazzaro” è il tema della conversazione organizzata dal  Circolo Culturale “L’Agorà” che avrà luogo sabato 9 dicembre a partire dalle ore 17 presso la saletta conferenze della Chiesa di San Giorgio al Corso di Reggio Calabria (ingresso via Giudecca – inizio tapis roulant) .

    Parteciperà in qualità di relatore Filippo Arrillotta docente di letteratura italiana e latino presso il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” di Reggio Calabria.

    Smile! you are on CityNow!