• Altro grande successo per il The Loft di Villa San Giovanni.

    Il primo anno vi abbiamo sorpreso, il secondo vi abbiamo stupito, per il terzo ci aspettiamo esplosioni di meraviglia!

    Recitava così l’evento che invitava i reggini al terzo veglione consecutivo della nota struttura villese, palcoscenico delle più divertenti serate reggine. Noi di CityNow abbiamo ascoltato le parole di Stefano Pittella promoter del veglione 2018 e socio del gruppo Share.

    “Nessuno avrebbe scommesso neanche 1 euro sulla riuscita del The Loft quest’anno. Le alternative per il 2018 erano davvero tante e fra le più svariate, ma ancora una volta le nostre speranze non sono state disattese”.

    Anche quest’anno infatti, il The Loft ha regalato forti emozioni ai reggini che hanno scelto il capodanno “Academy Awards“. Una notte degli oscar che ha brillato nel cielo di Reggio Calabria per qualità e diversificazione.

    Perché al The Loft l’esperienza musicale è stata suddivisa in ben quattro ambienti, ognuno dedicato ad un candidato agli Oscar, ognuno con una musica specifica. Dai caraibici alla musica da discoteca, che raccoglie sempre il consenso degli ospiti.

    Un appuntamento ormai ben consolidato quello del The Loft con il popolo reggino, che col tempo ha imparato a conoscere e ad amare la struttura che ha ospitato il veglione 2018.

    “Poco meno di 2000 presenze grazie alle quali noi di Share abbiamo scritto un’altra storia della vita mondana reggina” confida ai nostri microfoni Stefano Pittella.

    Ad intrigare gli avventori è stato certamente il tema, classico ma sempre divertente, che ha stuzzicato la curiosità dei più, che si sono invaghiti all’idea di un capodanno alternativo. “Gli ospiti credo abbiano gradito molto l’originalità di questa nostra scelta, anche se la carta vincente è stata di certo la diversificazione delle sale, anche perché noi puntiamo molto sulla musica caraibica”.

    Un genere molto particolare, che nella nostra città ha da sempre un certo rilievo.

    “Il veglione è una festa di per sé abbastanza lunga, per questo noi non vincoliamo le persone a star ferme nello stesso posto ad ascoltare sempre la solita musica. Quello che ci preme mettere in atto è la possibilità di relazionarsi, vivere esperienze diverse pur rimanendo nella stessa location”.

    Niente guest star internazionali al The Loft, che grazie ad un organizzazione curata e sapiente si è dimostrato per il terzo anno consecutivo all’altezza delle aspettative.

    “Abbiamo puntato tutto sui talenti reggini, niente special guest al nostro veglione, ma tanta buona musica”.

    E chissà quali sorprese ci riservano il The Loft e la Share per il prossimo anno.

     

    Smile! you are on CityNow!