• Si concluso il percorso di alternanza scuola/lavoro del liceo Leonardo da Vinci con l’Ordine dei Medici di R.Calabria.

    L’alternanza scuola/lavoro è una metodologia didattica innovativaistituita dalla legge n.107/15 e si rivolge agli studenti delle scuole secondarie di 2ºgrado,ai quali permette di “alternare “momenti di formazione in aula e in azienda (o altra struttura ospitante).

    L’obiettivo dichiarato è rafforzare la consapevolezza delle dinamiche interne al mondo del lavoro e provare a mettere in pratica le conoscenze acquisite nel percorso scolastico traducendole in competenze spendibili.

    I ragazzi del Liceo in queste giornate hanno avuto l’opportunità di ascoltare numerose figure professionali: il Dott. Antonino Costantino e il Dott. Salvatore Vita (medici di medicina generale ) che hanno presentato ai ragazzi la figura del “medico di famiglia” e hanno fatto vedere praticamente come si misura la pressione arteriosa /come si ascultano le spalle di un paziente, come visitano nel loro studio.

    Col Dott.Domenico Minniti (Dirigente Medico Ospedale Metropolitano Rep.Anestesia-Rianimatore Elisoccorso Regione Calabria) gli studenti hanno potuto vedere praticamente le varie tecniche di pronto intervento.

    È stata poi la volta del giovane Odontoiatra il Dott.AntininoNicolo’, che ha spiegato ai ragazzi il motivo della sua scelta di fare il “dentista” e ha fatto vedere di cosa si occupa la sua professione e concretamente come opera presso il suo studio.

    Nell’ultima giornata del programma coordinata e moderata dal Dott.Domenico Tromba (Consigliere Ordine dei Medici-Coordinatore commissione rapporti scuola/università e membro del cda Unime) dopo i saluti da parte del Vicepresidente dell’Ordine Dotto. Giuseppe Zampogna è intervenuta la Dirigente del Liceo, Prof.ssa Giuseppina Princi, la quale si è soffermata sul valore formativo delle esperienze di alternanza scuola/lavoro rimarcando in particolare il percorso realizzato con l’Ordine dei medici: “L’alternanza scuola/lavoro non si riduce a essere soltanto un tirocinio formativo e di preparazione al mondo del lavoro.

    In modo specifico per i Licei è piuttosto un apprendimento fatto sul campo di tipo laboratoriale nel quale le conoscenze scolastiche si travasano in esperienza sul campo e il percorso intero, che si articola durante i tre anni conclusivi di scuola, beneficiano in termini di competenze di acquisizioni spontanee secondo la dinamica del “fare”. L’Ordine dei medici, da sempre vicino al mondo della scuola e ai percorsi proposti dal nostro liceo, ha dato e continua a dare ai nostri ragazzi moltissimo, con la professionalità, la serietà e la scrupolosità che gli appartengono, ma anche con la leggerezza e la spontaneità di cui gli studenti hanno necessità in termini di rapporto umano. La strada del successo è il mondo della conoscenza.

    E’ una consapevolezza di cui ogni giorno, noi e i nostri ragazzi, siamo sempre più convinti. La dirigente ha proseguito evidenziando come, recentemente, è stato sottoscritto a Roma un protocollo tra il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e la Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici che ha reso nazionale il percorso “Biologia con curvatura biomedica”, secondo il modello ideato e sperimentato da sette anni dal liceo scientifico ”Leonardo da Vinci” di Reggio Calabria, d’intesa con l’Ordine Provinciale dei Medici. Verificata, infatti, la qualità e l’efficacia scientifica del progetto calabrese “Biologia con curvatura biomedica”, quale metodo di orientamento per l’accesso alla facoltà di Medicina e Chirurgia, il percorso formativo, dopo il parere positivo della Direzione Generale degli Ordinamenti scolastici e del Comitato centrale della Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici, è stato riconosciuto dal Capo Gabinetto del MIUR pratica trasferibile a livello nazionale su un campione di venti licei scientifici rappresentativi di tutte le aree geografiche del Paese individuati tramite circolare ministeriale; se alla fine di tale periodo gli esiti del percorso nazionale saranno paragonabili a quelli rilevati presso il liceo reggino, il percorso potrà diventare di ordinamento nei licei scientifici e sarà corsia preferenziale per l’accesso alle facoltà di Medicina e Chirurgia.

    I lavori sono iniziati con l’introduzione da parte del Dott.Tromba che ha evidenziato come “queste giornate hanno intensificato i rapporti della scuola con il territorio, con il mondo produttivo e dei servizi ,e sono di grande interesse per i ragazzi perché affiancano “al sapere il sapere fare”.

    Sempre Tromba ha continuato dicendo che chi ha scelto il Liceo (quale che sia), ha generalmente come obiettivo la prosecuzione degli studi in ambito universitario. L’alternanza scuola/lavoro per questi studenti rappresenta quindi un occasione di orientamento prolungato per poter compiere la successiva scelta universitaria in modo consapevole.
    Durante l’ultima giornata di alternanza si sono succeduti il Dott. Giacomo Romeo (Dirigente Psichiatra Asp5), che ha relazionato sulla figura del Psichiatra e ha parlato ai ragazzi di una frequente patologia adolescenziale del nostro periodo e cioè” l’anoressia.”
    Poi è stata la volta del Dott.Vincenzo Romeo (medico della croce rossa), che ha sottolineato la figura del Medico del volontariato e ha relazionato su Migranti nel mediterraneo definendola una vera e propria “sfida ai pregiudizi”, facendo vedere anche immagini suggestive di grande impatto per i ragazzi e per tutti i presenti.

    Si è passati dopo alla relazione della Dott. ssa Maria Polimeni(Dirigente Medico U.O.malattie infettive), che ha parlato con i ragazzi dell’AIDS e delle possibili precauzioni.

    La giornata e il programma di alternanza presso l’Ordine dei medici si è concluso con la relazione della Dermatologa Dott.ssa Cristina Luvara’ che, oltre a parlare della figura del dermatologo come professione, ha relazionato sulle patologie adolescenziali: Acne e irsutismo, terminando il suo intervento con una prova pratica di Epilazione definitiva con luce pulsata.
    IMG_1770

    Smile! you are on CityNow!