• La kermesse, organizzata dal Laboratorio Teatrale Rosarno 1976, presieduto da Giuseppe Cannatà e con la direzione artistica di Michele Spataro, è patrocinata dalla F.I.T.A., dal Comune di Rosarno e il supporto logistico del Liceo Scientico R.Piria di Rosarno.

    Protagonisti della prima serata il Gruppo Artistico CarMa di Reggio Calabria con lo spettacolo “ 1861 La Brutale Verità”  scritto e diretto da Michele Carilli (tratto dal libro la Brutale Verita’ di M. Carilli).

    Un spettacolo di grande spessore culturale, che attraverso l’alternanza tra parti recitate e cantate, ripercorre la storia del periodo pre e post unitario, dalle condizioni economiche del Regno delle Due Sicilie alla spedizione dei Mille, dal brigantaggio alla repressione attuata dal Regno d’Italia appena sorto.

    Magistrale, l’interpretazione dei personaggi, che hanno saputo emozionare la platea.

    Il bravissimo Gabriele Profazio, ha dato voce e corpo a personaggi storici, facendo rivivere importanti momenti del passato che hanno profondamente segnato il meridione.

    Marinella Roda’, alla quale è stata affidata la parte cantata, si resa protagonista di una performance di altissimo livello artistico. La sua voce forte e carica di passione ha coinvolto il pubblico che durante l’esecuzione di alcuni testi, si è commosso.

    Ad accompagnare il tutto, due maestri della musica, Alessandro Calcaramo e Mario Lo Cascio, che con le loro note, hanno creato un’atmosfera magica che ha avvolto il pubblico dall’inizio alla fine.

    Sabato 17 Febbraio, toccherà alla compagnia teatrale La Bottega del Sorriso, di Cittanova che si esibirà con lo spettacolo “ Cincu Fimmani e nu Tarì” con la regia di Franco Rizzo.

    Smile! you are on CityNow!