• di Pasquale Romano – Continua l’escalation a livello nazionale per il regista reggino Giacomo Triglia. Già autore di diversi videoclip per artisti del calibro di Afterhours, Brunori Sas, Irene Grandi e tanti altri, Triglia è fresco reduce dall’esperienza con Luciano Ligabue. Proprio oggi è uscito “Ho fatto in tempo ad avere un futuro (che non fosse soltanto per me)”, brano che fa parte di ‘Made in Italy’, ultimo lavoro del rocker di Correggio.

    “Ligabue è un pezzo di storia della musica italiana, non posso che dirmi fiero per aver avuto la possibilità di lavorare con lui”, dichiara Triglia ai microfoni di Citynow. Già nei mesi scorsi ospite della rubrica #TalentiReggini, il regista nato e cresciuto a Reggio Calabria (prima del trasferimento a Cosenza) racconta come si è sviluppata la collaborazione: “Mi ha contattato l’entourage di Ligabue qualche mese fa, erano piaciuti altri miei videoclip. Mi hanno lasciato carta bianca riguardo l’idea del video, che ho personalmente scritto diretto e montato”.

    ‘Stanco di essere intrappolato in un loop temporale surreale ed onirico, il ragazzo protagonista del video tenta una soluzione estrema per bloccare il continuo riavvolgersi del tempo. Casuale ma forse decisivo è l’incontro con una ragazza: sarà lei a interrompere il ciclo che lo tiene prigioniero?’, la descrizione del video di “Ho fatto in tempo ad avere un futuro (che non fosse soltanto per me)”. Triglia spiega come è nata l’idea del progetto: “Il mio intento era quello di raccontare una sorta di loop temporale, in bilico tra sogni e speranze, rimanendo fedele al testo della canzone”.

    Le riprese del video, effettuate a Roma con attori scelti da Triglia, sono durate due giorni. Si tratta di un progetto completamente ‘Made in Calabria’, è reggino infatti anche il direttore della fotografia, Antonio Scappatura, già collaboratore di Triglia in passato.

    Quali le sensazioni e le emozioni a stretto contatto con uno degli artisti più importanti del panorama musicale italiano? “E’ stato bello e gratificante poter lavorare con Ligabue. Si tratta di una persona molto professionale, meticolosa, con un grande carisma. Mi ha lasciato ampia libertà, questo mi ha permesso di lavorare nel migliore dei modi. Il video rilasciato d’improvviso, senza anticipazioni? Voleva fare una sorpresa ai fan, per questa ragione non era uscita nessuna notizia in merito”.

    Ligabue è alle prese con un periodo di convalescenza, dopo l’intervento alle corde vocali che lo ha costretto ad interrompere il tour. Proprio a Reggio Calabria, città natale di Triglia, una delle poche tappe prima dello stop: “Avrei dovuto incontrarlo proprio in quell’occasione, per confrontarmi riguardo le idee del video. Purtroppo non è stato possibile, impegni di lavoro non mi hanno permesso di venire a Reggio Calabria”.

    Sui prossimi progetti, Triglia è comprensibilmente riservato: “Non si può dire nulla, sino a quando non si concludono le riprese. Mi limito a dire che il mio prossimo lavoro sarà nuovamente con Brunori Sas (cantautore calabrese che negli ultimi mesi sta ottenendo notevole popolarità su scala nazionale, ndr). A marzo gireremo il video del suo nuovo singolo, tratto dall’album ‘A casa tutto bene'”.

    Smile! you are on CityNow!