• Marie Antoinette è il terzo lungometraggio per Sofia Coppola , figlia del maestro Francis Ford. In questo caso Sofia scrive dirige e produce (in parte) un film in costume , prova quantomai ardua per un cineasta.

    La storia è quella ben nota di Maria Antonietta , regina di Francia del XVII secolo. Il film riproduce abbastanza fedelmente (anche con la sintesi dovuta) quella che è stata la vita vissuta da questa ragazza di origini austriache, data in sposa al delfino di Francia Luigi per sancire l’unione tra le 2 nazioni.

    marie (3)

    Vita, quella di Maria Antonietta, passata attraverso sofferenze multiple e anche abbastanza inusuali, come il mancato concepimento del 1 figlio dopo le nozze, arrivato soltanto anni dopo e grazie alla pressione sempre più pesante delle 2 famiglie…

    Uno dei motivi principali che hanno portato Sofia Coppola a girare questo film (datato 2006) è sicuramente la figura di questa regina, unica nel suo genere, profondamente controversa e anticonformista. Marie Antoinette respinge da subito i rigidi protocolli di Versailles, preferendo di gran lunga sperperare ricchezze con feste maestose in compagnia di alcune dame “discutibili” rispetto a quello che la corte prevedeva, e alla faccia di un popolo francese sempre più inferocito.

    marie (4)

    Marie Antoinette conferma tutta la bravura che la figlia d’arte aveva gia’ dimostrato nei 2 film precedenti. Il leggero passo indietro è inevitabile, nei primi due lavori infatti (Il giardino delle vergini suicide e Lost in Traslation) Sofia Coppola aveva dato vita a due capolavori, ritratti essenziali e perfetti che ne hanno lanciato con forza la figura nell’universo holywoodiano.

    In Marie Antoinette la cinepresa viene adoperata con maestria, diverse accelerazioni e rallentamenti di linguaggio spezzano un racconto che punta ad essere leggero e di facile lettura. Scintillano magnificamente scenografia, trucchi e soprattutto costumi (della nostra Milena Canonero , probabilmente la piu’ grande costumista mai esistita , non a caso già premio oscar decenni fa con Kubrick e premiata con un’altra statuetta per questo film). Impeccabile la cura dei particolari: con le dovute proporzioni (e distanze) da un monolito della  storia del cinema, Marie Antoinette  è forse il film che più si avvicina all’indimenticabile Barry Lindon di Kubrick.

    marie (5)

    Marie Antoinette presenta anche lati negativi. Per quanto la storia lo preveda, la presenza ossessiva della seppur talentuosa e inquadrata Kirsten Dunst (già “musa” di Sofia Coppola nel suo film d’esordio Il giardino delle vergini suicide) è un trucco pesante sul volto del film, complicato da lavare via. Altro punto discutibile è la colonna sonora, voluta appositamente “frullata” dalla regista , che mischia generi di secoli diversi e in alcuni tratti risulta kitch e fuoriluogo.

    La Coppola, che evidentemente predilige storie al femminile dove le protagoniste sono ragazze contorte e incomprese, è comunque brava a non cadere nella trappola del puro e formale esercizio stilistico, offrendoci un film discusso (soprattutto in francia), che se ne infischia di giudicare il passato e invece vuole rendere un omaggio senza tempo ad una ragazza “comune” , che si trova catapultata in una realtà a lei del tutto inusuale.

    Personaggi intrappolati, come quelli visti in Il giardino delle vergini suicide e Lost in Traslation. Imprigionati, principalmente dentro sè stessi…

    marie (6)

    * ’Doppio Sogno’ è la rubrica cinematografica di Citynow. Le ultime novità in sala ma anche film recenti e del passato, attori e registi che hanno fatto la storia del cinema. Racconti, recensioni, storie e riflessioni sulla Settima Arte.

    Smile! you are on CityNow!