• Calabria da podio al Campionato italiano di tennis a squadre per giornalisti.
    La prima edizione del torneo, organizzata sui campi in terra rossa dello Junior Tennis Perugia dal Gruppo umbro dell’Ussi (Unione Stampa Sportiva Italiana), vede trionfare la Toscana, che in finale si impone sulle Marche per 2-1.

    Alla manifestazione, svoltasi nello storico circolo che all’inizio degli anni ’80 ha anche ospitato gli Internazionali d’Italia di tennis femminili, hanno partecipato le rappresentative regionali, selezionate dai rispettivi gruppi Ussi, che si sono sfidate in un tabellone sul modello della Federation Cup (due singolari e un doppio).

    A tenere alto l’onore dei cronisti calabresi sono Andrea Iacono (classifica Fit 3.4) e Mario Vetere (classifica Fit 4.nc), giornalisti professionisti del Quotidiano del Sud, entrambi tesserati con il Circolo del Tennis Rocco Polimeni di Reggio Calabria, accompagnati in terra umbra dal presidente del Gruppo Ussi Calabria, Franco Pellicanò, capodelegazione e motivatore a bordo campo.

    La Calabria, in trasferta grazie al sostegno del segretario regionale della Fnsi Carlo Parisi, detta legge nel proprio girone eliminatorio, battendo 2-1 la Liguria e 3-0 la Basilicata e qualificandosi per le semifinali col punteggio più alto di tutte le formazioni.
    Ad un passo dalla finale, i calabresi perdono 2-0 con le Marche, dopo il singolare di Iacono perso con Luca Battistoni solo al tie-break del terzo set, in quella che è stata definita dal giudice arbitro «la partita più bella e avvincente di tutto il torneo». L’altra semifinale è appannaggio dei campioni della Toscana, che col medesimo punteggio eliminano la Lombardia.

    Alla cerimonia di premiazione anche il presidente nazionale Ussi, Luigi Ferrajolo, il quale spiega che l’evento «entrerà nel programma delle iniziative dell’Ussi nazionale. Complimenti al Gruppo umbro che merita lo scudetto e al presidente Giorgio Palenga che hanno organizzato benissimo la tre giorni di tennis, alla Toscana che ha vinto il primo tricolore e anche a tutti gli altri protagonisti in campo».
    Una menzione speciale Ferrajolo la riserva proprio alla delegazione calabrese, che per esserci si è sobbarcata il viaggio più lungo, grazie al sostegno del sindacato regionale.

    Fonte: www.federtennis.it

    Smile! you are on CityNow!